©2009 Comune di Mestrino (PD) - Tutti i diritti riservati
P.zza IV Novembre, 30 - 35035 Mestrino (PD) - Tel.: 049-9000042 - Fax.: 049-9000177
e-mail: comune@comune.mestrino.pd.it  -  e-mail certificata (PEC): protocollo.comune.mestrino.pd@pecveneto.it

 
passa al contenuto della pagina
sei in:  Il Comune  -  Archivio News  -  Trasporto pericoloso
November 8, 2012
Ai sensi di legge il Sindaco informa la popolazione

PREMESSA

Il Governo Italiano, durante il recente vertice sulla sicurezza nucleare svoltosi a Seul, ha aderito al programma internazionale per il rimpatrio di materiale nucleare, promosso nell'ambito dell'Accordo internazionale tra Stati Uniti e EURATOM, concernente l'utilizzazione dell'energia nucleare a scopi pacifici.

Una parte di questi materiali, ovvero n. 10 lamine irraggiate, utilizzate per ricerca scientifica, e provenienti dal reattore olandese di Petten, sono attualmente stoccate presso un deposito di Saluggia, in provincia di Vercelli, e rientrano nel progetto di rimpatrio per la tipologia di "combustibile irraggiato ad uranio altamente arricchito".



MODALITA' DI TRASPORTO

La spedizione riguarda 10 lamine Petten, di un elemento di combustibile irraggiato e, per quanto riguarda il territorio italiano, avverrà con un unico trasporto stradale dal citato deposito di Saluggia (VC) al Porto di Trieste, abilitato alla movimentazione di tale tipologia di materiali.

Il trasporto stradale del contenitore, uno speciale container NAC caricato su un autocarro, sarà eseguito da un trasportatore autorizzato ai sensi della normativa vigente, sulla base di un attestato di sicurezza rilasciato dall'ISPRA ( Istituto superiore per la radioattività e l'ambiente) e di un certificato di sicurezza rilasciato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che garantiscono un elevato livello di sicurezza del trasporto con l'adozione di specifiche prescrizioni.

L'itinerario previsto sarà interamente autostradale, sull'A4 fino a Trieste.



PREVISIONI DEL PIANO DI EMERGENZA PROVINCIALE PER IL TRASPORTO DELLE 10 LAMINE PETTEN

Il Piano di emergenza redatto dalle Prefetture attraversate impone ai Sindaci di informare la popolazione sui singoli interventi da adottare in caso di emergenza.

Gli interventi di protezione previsti dal piano di emergenza vanno infatti predisposti nell'eventualità nell'ipotesi di incidente:

- molto grave: ipotesi di collisione tra il mezzo di trasporto con a bordo il contenitore NAC che trasporta le Lamine Petten, e un'autocisterna con liquido infiammabile, con conseguente sviluppo di incendio;

- grave: ipotesi di compromissione dell'ancoraggio e spostamento del contenitore, eventualmente anche fuori dal veicolo, senza incendio;

Le valutazioni delle conseguenze radiologiche, in caso di incidente, suggeriscono l'opportunità di adottare i seguenti provvedimenti:

- la delimitazione di una zona di esclusione, con allontanamento delle persone presenti, di raggio pari a 50 metri dal luogo dell'incidente, riservata ad interventi di emergenza ovvero di primo soccorso, rilevamenti radiometrici e verifiche di integrità del contenitore;

- rilevamenti radiometrici su matrici ambientali ed alimentari entro un raggio di 1 Km. dal luogo del rilascio, a supporto di eventuali decisioni circa l'adozione di provvedimenti restrittivi sul consumo degli alimenti di produzione locale.

Va rilevato comunque che la tipologia e la quantità del materiale trasportato (molto inferiore a quella usuale in analoghe spedizioni), nonché le modalità e le caratteristiche del trasporto stesso, garantiscono elevati standard di sicurezza, tali per cui lo scenario appena descritto rappresenta una situazione "limite".

Va evidenziato inoltre che il transito su strada dell'autocarro con il container e la fermata ovvero la sosta temporanea lungo il percorso, non configurano situazioni di pericolo per la popolazione, in quanto i materiali e caratteristiche dello speciale contenitore NAC sono tali da garantire ampia sicurezza e assenza di rischi per la popolazione.

Quindi, anche nel caso dell'ipotesi di incidente più grave, non si prevede la necessità di adottare particolari provvedimenti di tutela della popolazione, fatta salva la delimitazione dell'anzidetto raggio di 50 m e la predisposizione del monitoraggio radiometrico per il raggio di 1 chilometro.



INFORMAZIONE ALLA POPOLAZIONE

La popolazione effettivamente interessata dall'emergenza radiologica, in caso di incidente nel corso del trasporto viene immediatamente informata dal Sindaco, quale autorità di protezione civile locale. Tale attività informativa è effettuata in linea con quanto previsto dai rispettivi Piani comunali di Protezione Civile, utilizzando altoparlanti o analoghi sistemi anche installati su vetture, d'intesa con la Prefettura, con un aggiornamento periodico sull'evoluzione dell'emergenza e sui comportamenti da adottare.

In particolare vengono fornite in modo sintetico e sequenziale, anche ripetuto, informazioni riguardanti:

- la sopravvenuta emergenza e, in base alle notizie disponibili, le sue caratteristiche : tipo, origine, portata e prevedibile evoluzione;
- i comportamenti da adottare, in base alla tipologia di emergenza sopravvenuta;
- le autorità e le strutture pubbliche a cui rivolgersi per informazioni, consigli, ecc..
- eventuali numeri verdi, siti internet specifici, ovvero Centri di informazione da contattare.



RAPPORTI CON GLI ORGANI DI INFORMAZIONE

I rapporti con gli organi di informazione sono tenuti dalla Prefettura, d'intesa con le Autorità centrali, con le strutture preposte al soccorso e con gli Enti locali interessati.



NORME COMPORTAMENTALI GENERALI PER I CITTADINI PRESENTI OLTRE I 50 METRI DAL LUOGO DELL'INCIDENTE, E NEL RAGGIO DI 1 KM.



- allontanarsi dal luogo dell'incidente;
- seguire i messaggi diramati a mezzo altoparlanti o emittenti radio-televisive;
- telefonare ai numeri di emergenza solo in caso di necessità;
- se ci si trova in auto, allontanarsi dal luogo dell'evento lasciando però libere le strade per i mezzi di soccorso, seguendo le indicazioni fornite dalle Forze dell'Ordine;
- rimanere comunque lontano dalle zone interessate dall'incidente, fino a cessato allarme.


Il Sindaco Dott. Marco Valerio Pedron